Un omaggio a Wes Craven

Un omaggio a Wes Craven

[vc_row][vc_column width=”1/1″][vc_column_text]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

Morto all’eta’ di 76 anni, il regista Wes Craven è stato uno di quelli che ha rivoluzionato il cinema horror, anche se lui stesso in molte sue interviste non collocava il suo genere nella categoria horror. Dopo aver vinto tanti premi e tante sfide, ha purtroppo perso la sua battaglia più grande contro un cancro al cervello. La notizia è stata diramata dalla famiglia stessa:

“E’ con profonda tristezza cha annunciamo la morte di Wes Craven. Era circondato da amore, alla presenza dei familiari nella sua casa di Los Angeles”.

Con la saga “Nightmare”, “Scream” o “Le Colline hanno gli occhi” ha “terrorizzato” generazioni di amanti del genere nel mondo.

La cosa che ci preme maggiormente sottolineare è che, purtroppo, stelle del firmamento cinematografico debbano essere ricordate solo in momenti tragici come questi e paradossalmente vengano dimenticati durante il loro periodo più difficile, durante la malattia e prima della morte. Chissà che lo stesso Craven non abbia pensato a questo epilogo come il più terrificante dei film horror.

Filmografia di Wes Craven:

La sua filmografia non ha bisogno di presentazioni. Wes Craven era semplicemente un genio del genere horror, che ha turbato numerose generazioni di ragazzi dapprima con la saga di Nightmare, fino alle inquietudini di Scream il cui successo è ha prodotto numerose parodie sulla scia del capolavoro.

Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - Wes Craven - In una delle sue ultime interviste ci ha lasciato queste righe come eredità della sua creatività:

“Ho sempre capito cosa fa davvero paura, so cosa spaventa il pubblico, è fondamentale riuscire a comprendere questo sentimento. Poi ci sono fatti molto gravi della vita reale, ma è un’altra cosa, in un film ci si può anche permettere di giocare”

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″][vc_column_text]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Non hai ancora letto questi...

5/5 (4)